Home > USA > Weekend

Weekend

Questo appena passato e’ stato un weekend veramente impegnato; e’ iniziato Venerdi’(la festa dei veterani) e io e il mio amico dal Tibet (Pasang), con la sua famiglia, siamo andati a Portland, la citta’ piu’ grossa dello stato, distante un’oretta da qui..e’ un bel posto sul mare che a me ha ricordato un po’ l’Irlanda. L’unica cosa e’ che come posto e’ un po’ morto, non c’e’ nessuno in giro e c’e’ penuria un po’ di tutto. un posto dove non manca la gente e’ invece il centro commericiale (buffo, no?) dove siamo andati nel pomeriggio. E’ enorme, non si sa dove andare e si rischia seriamente di perdersi.
Un’altra cosa che ha tenuto il week-end impegnato e’ stato lo spettacolo teatrale, andato in scena per ben tre volte in due giorni, di cui la prima Venerdi’ sera. Invece Sabato due spettacoli, uno al pomeriggio e uno alla sera e ne sono uscito massacrato (potra’ non sembrare ma e’ faticoso reggere un pannello per un periodo prolungato di tempo….), ma tutto e’ andato bene e mi sono anche divertito molto. Non ho fatto foto perche’ io ero dietro le quinte (sarebbe stato un po’ strano se un flash scattava da dietro le quinte…), ma e’ stato fatto un video ‘ufficiale’ e appena lo mettono su Youtube, metto il link.

  1. I nonni
    15 novembre 2011 alle 17:40

    Il nonno era sceso nel parcheggio del supermercato per prendere un carrello, io lo aspettavo in cima alle scale mobili. Vicino a me c’erano alcuni ragazzotti che imprecavano per la nebbia.
    La nebbia? Una foschia un po’ accentuata che si è dissolta dopo mezz’ora all’apparire di un raggio di sole. Mi è ritornata alla memoria la nebbia vera dei miei otto anni. Quella era nebbia, così fitta e inpenetrabile che chiudeva nel suo velo umidiccio tutti i villaggi rivieraschi lungo il corso del Po. Durava per giorni e trasformava ogni cosa in figure fiabesche. A me piaceva, dalla finestra guardavo il frutteto che non si riconosceva più: era ridotto ad un palcoscenico evanescente sul quale stavano figure indistinte.
    Sogni di bambina…… Adesso sogno un paese lontano nel quale tu vivi. Dalle fotografie che mandi mi sembra bello, forse è bello proprio perchè ci sei tu. Ciao. I nonni.

  2. Argia
    14 novembre 2011 alle 18:22

    A Vlllastrada abbiamo dormito sul camper perchè quella casa umida e fredda era proprio inospitale. E’ stato un campeggio ”diverso”. La mattina, invece dell’immensità del mare o del profilo ondulato delle colline gardesane, ci siamo accontentati della visione rustica del muro scrostato del portico con contorno di ragnatele. Ci incuriosisce la vicenda del campanile portato via: tienici informati sugli sviluppi della faccenda. Qualche volta entra in quella chiesa: magari ci trovi un dipinto, un affresco, una statua di grande interesse. La nostra chiesina di Villastrada è un gioiello che custodisce gli affreschi di Giorgio Anselmi e della sua scuola. Giorgio Anselmi è l’autore dei dipinti della basilica di S.Andrea a Mantova: ogni anno migliaia di turisti godono della bellezza di quelle opere.
    La tua partecipazione a una attività diversa dalla scuola ci piace molto perchè si impara sempre qualcosa di nuovo. Ciao dai nonni.

  3. Cristina
    14 novembre 2011 alle 14:52

    ciao Giac, ma che bel resoconto! immagino chev il pannello non potesse essere appoggiato o magari un altro che ti aiutava? Spero di vedere il video dello spettacolo. Qui nebbia nebbia e freddino, tra pochi giorni arriva il Fra e il 4 parte l’Ilaria, ma magari lo sai già. Porca vacca, tutti i nipoti sparsi qui e la x il mondo, Natale strano quest’anno, baci

    • 14 novembre 2011 alle 16:08

      No il pannello non poteva essere appogiato (pensi che non ci abbia pensato?!) perche’ non doveva essere presente in tutte le scene, ma solo in alcune…e comunque eravamo due persone con un pannello ciascuno, penso che nel video si vedra’, ma ti assicuro che era davvero difficile tenerli fermi perche’ sono davvero grossi…comunque no non lo sapevo che il Fra torna, ma sapevo dell’ Ilaria

      ________________________________

  1. No trackbacks yet.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...